venerdì 24 gennaio 2014

Ritrovamento sulla Cresta del Ferro

Solitamente, durante la stagione invernale, evito di fare escursioni a causa della scarsità delle ore di luce, non è bello ritrovarsi all'imbrunire lontani da casa con temperature prossime allo zero. Capitano però alcune occasioni in cui faccio qualche passo allo scopo di esplorare i luoghi che più mi intrigano, immaginando ed assaporando una futura camminata nella bella stagione.
Qualche tempo fa, ho deciso di farmi una di queste brevi passeggiate all'interno della Riserva Naturale della Gola del Furlo e precisamente sulla Cresta del Ferro, un promontorio collaterale del Monte Paganuccio. Si tratta di una dorsale stretta tra la Gola del Furlo e la piccola ma impervia Valle del Buzzo, caratterizzata da due picchi: il Monte del Colle (640 m) e il Monte del Ferro (668 m). Da sempre ho avuto una certa attrazione verso queste cime minori le quali viste dal Monte Paganuccio appaiono come anonimi rilievi mentre dall'interno della gola si ergono con imponenti e austere balze di calcare; la curiosità di salirvi e osservare il Furlo da un angolazione inedita era tanta.
Certo non mi sarei mai aspettato, in una fugace passeggiata come questa, di fare un piccolo ma interessante ritrovamento...

Arrivato alle pendici del Monte Paganuccio percorro la strada che sale dal versante nord-orientale a Case Sant'Ubaldo, da lì, do un'occhiata alla Cresta del Ferro con l'intento di trovare un sentiero comodo e breve per l'ascesa. Sulla foto, il versante di sud-ovest della dorsale: Monte del Colle.
 Continuando ad osservare l'estremità sud-occidentale della cresta, scovo una radura dove potrebbe trovarsi una via agevole. Il pascolo si estende nel punto in cui la Valle dell'Inferno che scende dal Paganuccio, vira di novanta gradi verso nord-est dando vita alla Valle del Buzzo. Nella foto, sullo sfondo, appaiono le sagome del Monte Petrano a sinistra, e del Monte Nerone a destra.
Ed eccolo il prato e difronte la valle che scende tra le rupi.
Trovo quasi subito un sentiero che districandosi tra le ginestre inizia a salire verso la Cresta del Ferro, intanto osservo la Valle dell'Inferno scendere dal Monte Paganuccio.
Il promontorio dove si trovano le Case di Sant'Ubaldo; oggi appaiono come anonime casupole ma nel medioevo vi sorgeva un'importante presidio militare.
Continuo a salire dolcemente attraverso il sentiero.
Fino a raggiungere il Monte del Colle dove posso iniziare a osservare le strapiombanti pareti della Gola del Furlo.
Sopra l'inaccessibile Selva Grande, vallone che scivola ripidissimo fino alle sponde del Fiume Candigliano, infondo alla gola.
Eccomi sulla cresta mentre passeggio verso il Monte del Ferro, davanti a me un piccolo cippo bianco riporta le lettere D F S: Demanio Forestale dello Stato.
Oltre la gola in direzione della Testa del Duce.
Il cielo si fa sempre più scuro e purtroppo sono costretto a fate dietrofront, non potrò toccare la croce in cima al Monte del Ferro.
Tornando indietro, in mezzo a questa macchia di lecci, inciampo in un vecchio oggetto rugginoso.
Adagiato sul terreno da chissà quanti anni trovo questo cuneo di ferro, è piuttosto grande con un angolo della punta spezzato. Un residuo dei tempi passati, di quando i monti del Furlo erano intensamente sfruttati dall'uomo. Ben presto ho iniziato a fantasticare, a far congetture e inventarmi storie sull'utilizzo di questo arnese ma il dilemma è rimasto: Serviva a spaccare pietre o ad aprire tronchi?

Guarda dove si trova la Cresta del Ferro all'interno della Riserva Naturale Statale della Gola del Furlo.

4 commenti:

  1. Wow! Tutto il tuo giro è stato emozionante! Dal modo in cui narri il tour, che accompagni con le tue belle immagini, a questa scoperta cosi particolare nel mezzo del tuo percorso! Che meraviglia, trovare un pezzo di storia da chissà quanto tempo fa, proprio lì, e immaginare e fare congettura sul suo passato! Complimenti della tua scoperta. Saluti, Barba (e ti devo ancora la posta, ma in Argentina abbiamo oggi molti problemi con la fornitura di energia elettrica dovuto alle alte temperature, quindi sono un po in ritardo con tutte le cose!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Patzy, sei sempre molto gentile.
      Don't worry! Lo sai che non t'invidio, il caldo lo patisco molto.
      Un abbraccio.

      Elimina
  2. che meraviglia! Scatti davvero belli :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manuela!
      Tento con le foto, di creare un fermo immagine delle cose belle viste dai miei occhi... il fatto di ricevere complimenti significa esserci riuscito... Grazie ; )

      Elimina